Home / Avvisi e Concorsi / UFFICIO TRIBUTI - guida pratica alla definizione liti pendenti

COMUNE di CALTAGIRONE


Definizione agevolata delle Liti Fiscali Pendenti


Con l'entrata in vigore dell'articolo 11 comma 1 bis del decreto legge n. 50/2017, convertito in legge 96/2017, è stata estesa anche a favore dei Comuni la possibilità di chiudere le liti fiscali pendenti relative ai tributi locali. Nella seduta del 30 agosto, il Consiglio Comunale ne ha stabilito l'applicazione, adottando il relativo Regolamento (deliberazione n. 51 del 30/08/2017).
Tale possibilità riguarda tutte le liti fiscali pendenti presso il competente organo giudiziario (Commissione tributaria provinciale, Commissione tributaria regionale, Cassazione) aventi ad oggetto uno dei tributi comunali: ICI, IMU, TASI, TARSU, TARI, Imposta di Pubblicità (ICP), COSAP, Diritto sulle pubbliche affissioni.


Aderendo alla definizione agevolata delle liti fiscali il contribuente è tenuto a versare solamente il tributo e gli interessi accertati dall'ufficio (questi ultimi da calcolarsi fino al sessantesimo giorno successivo alla notifica dell'atto impugnato), ma non più le sanzioni inizialmente applicate.


Modalità di Definizione: presentazione della domanda e versamento
Le domande di Definizione agevolata possono essere presentate solamente per liti fiscali notificate al Comune impositore entro il 24 aprile 2017 e non ancora decise in via definitiva dal giudice, sia esso di primo grado che d'appello, che di Cassazione.
Per Comune impositore si intende:

a) il Comune di Caltagirone, per quanto attiene l'ICI, l'IMU, la TASI, I a TARSU e la TARI;

b) la Concessionaria dei servizi di accertamento e riscossione, INPA SpA, per quanto attiene l'Imposta comunale sulla pubblicità, il Diritto sulle pubbliche affissioni e la Tassa per l'occupazioni di spazi ed aree pubbliche (COSAP);


Per poter accedere a tale possibilità di chiusura della lite fiscale occorre:

1. presentare al Comune di Caltagirone, entro e non oltre il prossimo 2 ottobre 2017, un'istanza utilizzando esclusivamente il modello pubblicato tra gli allegati — denominato:
"DOMANDA DI DEFINIZIONE DELLA LITE FISCALE PENDENTE";

2. nel caso di impugnazione di più atti, anche in via cumulativa, occorre compilare un'istanza separata per ciascun atto di cui si chiede la definizione;

3. provvedere al pagamento degli importi dovuti, calcolati con le modalità di seguito indicate;

4. nel caso di impugnazione di più atti, anche in via cumulativa, occorre effettuare un versamento separato per ciascun atto di cui si chiede la definizione;

5. allegare a ciascuna istanza compilata sull'apposito modello, la copia della ricevuta del relativo pagamento.

 
Speedweb 2010

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già state impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra politica sulla privacy. Accetto i cookie da questo sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information